Fattoria sociale

Fattoria sociale

Fattoria Sociale

La fattoria

Collocata all’interno di un’antica Pirriera, cava da cui furono estratti i blocchi squadrati di calcarenite per edificare i bastioni del Palazzo dei Normanni e le mura del Teatro Massimo, oggi la fattoria comunitaria mostra plasticamente come il processo di rigenerazione urbana che sta coinvolgendo l’intero Rione, sta valorizzando il paesaggio e l’ambiente attraverso il coinvolgimento della gente del luogo e di tanti che hanno fatto di Danisinni la loro seconda casa. Infatti, rappresenta un contesto di accoglienza ossia di inclusione sociale in cui ciascuno può trovare il suo spazio di partecipazione già visitando i luoghi, aderendo alle varie proposte settimanali come laboratori o eventi, oppure adoperandosi per per la cura e la coltivazione dell’ambiente.

Nata nel 2016 la fattoria ha visto inizialmente la piantumazione del giardino biblico e l’accoglienza del primo animale, Tobia, un asino amiatino che è stato scelto dalla città quale simbolo della “festa dell’Onestá”.

Lascia un commento